Questo no

Certo che questa, Vendola se la sarebbe benissimo potuta risparmiare. Insomma, va bene che Carlo Giuliani è morto ammazzato, come Falcone e Borsellino. Solo che loro lottavano per una causa universale, che abbraccia qualsiasi uomo, qualsiasi storia e qualsiasi cultura. E poi, loro, la morte l’hanno affrontata a viso aperto, rischiando ogni giorno la vita solo per fare il bene di tutti. Di tutti. Senza badare se fossero rossi, neri o bianchi; proletari, borghesi o capitalisti; democratici, moderati o anarchici. Lottavano per la libertà più autentica, quella che non conosce limiti e che non fa differenze. Quella che preferisce il dialogo all’urlo, l’incontro allo scontro, la stretta di mano allo sparo. Che è ben diverso da quello che fanno e che hanno fatto i no global.

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • Fabrizio  On 19 luglio 2010 at 14:50

    Concordo con te Giuseppe

    • Giuseppe Portonera  On 19 luglio 2010 at 15:09

      Mi fa piacere 🙂

Trackbacks

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: