Il segretario che vorrei

Lorenzo Cesa ha annunciato che non si ricandiderà alla segreteria dell’Udc e che spera che a succedergli sia un giovane quarantenne. E’ una notizia meravigliosa, perché scuote (almeno un po’) lo stantio panorama politico interno al nostro partito; ovviamente adesso si apre il toto-nomi. Ed è un bene che si apra, perché abbiamo un disperato bisogno di confronto (e anche di scontro se volete); i nomi non ci mancano. Io da parte mia ne butto avanti due: Roberto Rao e Roberto Occhiuto, due giovani parlamentari che hanno dimostrato in questi due anni grandi capacità e hanno tutte le carte in regola per aprire una nuova fase. L’importante – ma questo vale per tutti gli altri nomi – è che non si tratti di giovani solo anagraficamente; i possibili candidati devono saper esprimere una visione della politica e della società assolutamente nuova, slegata dai vecchi schemi e dalle vecchie ideologie: devono essere “laici” nell’approccio soprattutto con la nostra ricca tradizione democristiana; devono avere la forza di concludere una transizione del nostro Partito verso nuovi lidi iniziata e mai finita; devono essere freschi e puliti (in ogni senso); non devono avere legami pesanti con la vecchia nomenklatura; devono sapere cos’è Twitter, cos’è Facebook, perché la banda larga è indispensabile per il nostro sviluppo; devono essere carismatici, senza essere leaderistici; devono sapere che diventando segretari, rappresentano il popolo che li vota, non sono i portavoce di Tizio e di Caio; devono essere pronti a mettere la faccia, a rischiare quando serve, devono saper comunicare sempre con il proprio popolo; devono essere repubblicani, patriottici e liberali; devono saper convincere i giovani a votare per noi; devono essere europei, colti, istruiti; devono saper rappresentare la parte migliore della nostra Italia. Chiedo troppo?

[PS: E come mi suggerisce un amico, non sarebbe nemmeno male se si aprisse alle primarie, non credete?]

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • Paolo Fornasari  On 29 novembre 2010 at 18:54

    Bravo Giuseppe..condivido tutto ciò che dici e anche la volontà di scegliere il nuovo segretario attraverso le primarie..a questo proposito non ho ancora capito perchè il nostro partito sia stato finora così contrario a questo strumento..

  • Riccardo  On 3 gennaio 2011 at 12:23

    Qualcuno in sala giura di aver sentito che Cesa abbia detto che a succedergli sia un giovane “tra quarantanni”, non un giovane quarantenne!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: