Category Archives: Politica Locale

Nasce Lentini vota 2011. Seguiteci.

NasceLentini vota 2011“, il primo blog di citizien journalism made in Lentini: con un obiettivo chiaro, raccontare la città che va al voto. Per questo, fino al 29 maggio (e probabilmente oltre), mi trasferisco lì. Continuate a seguirmi.

[Qui il post di benvenuto]

Annunci

Se in Sicilia tutto fa brodo. Anche il fotovoltaico.

Qualcuno di voi mi dirà: lo hai capito solo adesso? No, non l’ho capito solo adesso. So fin troppo bene che ogni grande appalto, ogni impresa legata a ingenti fondi, ogni possibile fonte di ricchezza, alla nostra peggiore politica isolana ha sempre fatto gola. Permettetemi, però, un sussulto di indignazione e vergogna per la storia del deputato regionale del Pd, Gaspare Vitrano (qui Live Sicilia ci racconta chi è), arrestato in flagranza di reato con una mazzetta in tasca: secondo gli investigatori si trattava della mazzetta pattuita per velocizzare una pratica relativa ad un impianto fotovoltaico a Roccamena. Ed è qui quello che mi fa infuriare: la Sicilia è una terra meravigliosa, baciata da un sole meraviglioso, e con tutte le risorse naturali che ci ritroviamo avremmo voglia di costruire una seria politica di indipendenza energetica. Ma poi arriva gente come Vitrano (ah, sia chiaro: fino a pronunciamento contraio dei giudici, lui è da riconoscere come “innocente”), che butta via anni di speranze e illusioni e li tritura nello smercio dei propri interessi privati. Affacciandosi dalla finestra di casa mia, per esempio, si vedono vallate intere piene di pannelli fotovoltaici, che – almeno io, gli altri non lo so – si speravano potessero rappresentare una delle chiavi d’accesso a un Futuro pulito. E invece no. Perché dalle indagini, si scopre che è coinvolto anche un un altro politico, eletto nel collegio di Siracusa, che avrebbe dovuto invece assicurare il suo intervento per dare via libera al cantiere di Francofonte. Proprio gli impianti che stanno a qualche chilometro da casa mia.

E senti un profondo senso di scoramento addosso, una rabbia cieca per una politica che non funziona e che fa sempre più schifo. E una voglia matta di mandare tutti a quel paese, per sempre.

A lutto

Questo blog è a lutto. È a lutto per la morte del caporal maggiore Sebastiano (Damiano per tutti) Ville, di Francofonte e di altri tre innocenti soldati. Per la mia zona – per il triangolo di Lentini, Carlentini e Francofonte – è già la seconda vittima, dopo la morte di un altro caporal maggiore, Emanuele Ferraro, in quel lontano e maledetto 12 novembre 2003. Eroi, modelli dicono tutti. Ma pur sempre uomini, aggiungo io, che sono magari già un posato padre di famiglia o ancora un giovane pieno di sogni e desideri. Ecco perché, pur nel dolore più profondo e pur esprimendo le proprie più sentite condoglianze alle famiglie colpiti, questo blog (e il sottoscritto suo autore) rilanciano un loro vecchio cavallo di battaglia: la missione in Afghanistan va ripensata, e al più presto. Perché, come dissi tempo fa e come non mi stancherò mai di ripetere, la democrazia non può essere “esportata” con le armi. E soprattutto, non può costare la morte di così tanti uomini.

Adottiamo il Castellaccio

Sul mio profilo Facebook, stamattina ho lanciato la provocazione di “adottare” il Castellaccio di Lentini, votandolo come “luogo del Cuore” sul sito nazionale del FAI, Fondo Ambiente Italiano. La proposta ha raccolto numerose adesioni: di seguito, il comunicato stampa che ho scritto con Stefano Randazzo della Giovane Italia e Giuseppe Brancato, della Rete degli Studenti Medi.

Lentini – StudiCentro, Rete degli Studenti Medi e Giovane Italia insieme per il rilancio del Castellaccio di Lentini. Tre associazioni politico-studentesche diverse per estrazione politica, ma unite da un comune interesse: la salvaguardia del patrimonio artistico e culturale della città di Lentini.  “Ad oggi il Castrum Vetus di Federico II – spiega il coordinatore provinciale di StudiCentro, Giuseppe Portonera – non viene valorizzato come si deve e noi lentinesi rischiamo di non poter godere appieno di uno dei nostri gioielli più belli. Siamo convinti che il rilancio della nostra città debba ripartire proprio dalla riscoperta e dalla rivalorizzazione di quanto abbiamo di bello e, purtroppo, dimenticato. Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) ha lanciato un’iniziativa che ci sembra importantissima: ‘I Luoghi del Cuore’. Noi chiediamo ai nostri concittadini di ‘adottare’ il Castellaccio, segnalandolo sul sito del FAI come ‘luogo del cuore’, all’indirizzo web http://www.iluoghidelcuore.it/castrum_vetus-castellaccio_di_federico_ii”. Spiega Stefano Randazzo, della Giovane Italia: “Lentini è da sempre alla mercé di scontri politici, che finora hanno portato solo al degrado la nostra città, con il risultato che ai giovani non interessa curare il proprio territorio e utilizzare le risorse che esso presenta. È bello vedere i giovani lavorare per il proprio paese, parlo di quei giovani attivi nella politica, di schieramenti diversi, che collaborano per un unico interesse, convinti più che mai che Lentini può ricominciare a sognare”. E Giuseppe Brancato, della Rete degli Studenti, ricorda che “Lentini ha delle bellezze e delle peculiarità sconosciute ai più: è necessario ripristinarle, come è stato fatto con il Castellaccio da poco riconsegnato alla città, ma ancora più importante è renderle vive e fruibili ai cittadini e ai turisti. In questo il FAI potrebbe esserci davvero di aiuto”. Le tre associazioni invitano quindi anche l’Amministrazione Comunale a supportare e veicolare nel miglior modo possibile questa iniziativa: “abbiamo tempo fino al 30 settembre – dicono – e contiamo di poter ottenere un buon risultato, grazie al sostegno di tutti i Lentinesi. Cominceremo con l’“adozione” Castellaccio, ma speriamo di poterla allargare a tutte le altre meraviglie nostrane, a cominciare dalla Chiesa Madre di Sant’Alfio”.

Benvenuti a Lentini

Prendete un Ospedale in dirittura d’arrivo da 16 anni. Aggiungete una Piscina andata in fiamme, distrutta da una tromba d’aria e chiusa ormai da 2 anni e un Auditorium andato incontro alla stessa sorte. Mescolate il tutto con un campo scuola diventato pista per corse clandestine alle tre del pomeriggio. Infornate il tutto in modo bipartisan, con un telegiornale Mediaset e uno Rai. Condite per bene con un pizzico (ma che dico? abbondante, abbondate pure) di indifferenza generale dei cittadini e di menefreghismo degli amministratori vari. Infine gustavi il tutto pensando a come si stia rapidamente precipitando verso il baratro, senza riuscire a trovare una via di fuga.

Vi resterà un po’ di amaro in bocca, ma che volete farci? Siamo a Lentini.

Dopo Studio Aperto, del nostro Ospedale parla anche Panorama

Dopo Studio Aperto, anche il settimanale Panorama parla dell’Ospedale di Lentini. Con gli stessi toni che il telegiornale di casa Berlusconi aveva usato qualche giorno fa. Con l’aggiunta dell’apertura “per fiction”. Fino a quando dovremo sopportare queste umiliazioni?

[Update/1 Si sbarca sui giornali]

La Sicilia 2/08/2010 Cronaca di Siracusa pag 40

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: