Tag Archives: sondaggi

Ce la possiamo fare/4

Quello che noi, come Udc prima e come Nuovo Polo ora, andiamo ripetendo da anni – che cioè questa Seconda Repubblica ha fallito, che Centrodestra e Centrosinistra sono ormai superati e che c’è fame di novità – è ormai certificato anche da numerosi sondaggi, che nella nostra Italia sono il termometro più usato per misurare gli umori del popolo elettorale.

A dare inizio alle danze, qualche settimana fa, è stato Nando Pagnoncelli, dell’Istituto Ipsos, che ha mostrato che, se Pierferdinando Casini dovesse scegliere di guidare il fantomatico CLN antiberlusconiano, vincerebbe con ampissimo margine su Berlusconi, 45 a 32; se invece – come ad oggi pare – il leader centrista dovesse scegliere di correre da solo, come candidato premier del Polo per l’Italia, attirerebbe a sé il 21% dell’elettorato italiano.

Qualche giorno dopo, è stata la volta di Ilvo Diamanti, che – su La Repubblica – ha pubblicato un’interessantissima “mappa”, da cui è emersa la costante crescita dell’Udc e del Nuovo Polo (passato dal 17% di dicembre al 20 di oggi) e l’aumento graduale della fiducia in Casini, quarto leader nazionale per indice di gradimento, e di Fini, +6,2%.

Su questo scenario è tornato, per la trasmissione televisiva Ballarò, sempre Pagnoncelli, che ha evidenziato il vertiginoso calo del Centrodestra, con i voti moderati in uscita verso il Nuovo Polo; anche in questo caso, interessantissimo il dato di Pierferdinando Casini: largamente vincente, infatti, alla guida di una Santa Alleanza contro Berlusconi  (48 contro 34); e in caso di una corsa a tre poli, il nostro caro Pier si muoverebbe in una forbice di voti compresa tra il 20 e il 23 %, in crescita costante.

Sabato scorso, infine, la trasmissione In Onda (La 7), ha diffuso un nuovo, interessante sondaggio, concentrato stavolta sul solo Udc. Dall’indagine emerge che il voto potenziale (si tratta quindi di gradimento, che non si traduce per forza in voto elettorale) per il nostro partito è del 14,1%, bacino che noi occupiamo attualmente al cinquanta per cento circa, e che rappresenta una larga fetta della stessa zona elettorale presidiata dal Nuovo Polo – a riprova di quanto sostenuto da Casini. Per quanti, poi, sostengono di guardare con favore al nostro partito e si dichiarano al contempo cattolici, si parla di un 62% di osservanti, di 31% composto da sporadici, e di un 7% costituito da non frequentanti. Nel complesso, i nostri (possibili) elettori, si collocano a Destra – Centrodestra per il 21,2%, al Centro per il 36,3% e a Sinistra – Centrosinistra per il 23,9% (i non collocati sono il 18,6%): questo è un dato da studiare con attenzione, perché dimostra come in questi due-tre anni la stessa base elettorale del partito (che alla vigilia delle politiche del 2008 era per la stramaggioranza di centrodestra) sia cambiata notevolmente, attirando a sé gente e voti, a cui prima non riuscivamo a parlare. Il dato, però, sicuramente più significativo è la distribuzione anagrafica dei voti: il 36,6% è costituito, infatti, da elettori tra i 18 e i 34 anni, il 32,2% tra 35-54 anni, il 31,2% +55 anni. Questo vuol dire che il grosso della nostra base è costituito da giovani o giovanissimi: da gente, cioè, slegata dai vecchi schemi e dalle vecchie logiche politiche e desiderosa di aprirsi a un futuro che tarda, ahinoi, sempre più. Come evidenziato, peraltro, quella dell’Udc è la miglior performance – in quanto a gradimento giovanile – tra i partiti sondati finora: meglio ancora, quindi, dei colossi Pd e Pdl o dei modernisti Idv o Sel (e anche del Fli, a dirla tutta, che pure dell’innovazione ha fatto il suo cavallo di battaglia).

Sono (solo) sondaggi, è vero. E vi confesso che alle stime ho sempre creduto poco: ma i dati che emergono dagli studi sopra riportati, più che un incoraggiamento, sono la prova che quanto abbiamo fatto fin qui, è stato buono e apprezzato dagli elettori. Specie proprio dai più giovani che – non dimentichiamoli mai – devono essere il nostro target primario.

[Ripubblicato sul sito di Casini]

Annunci

Ce la possiamo fare/3

Ebbene sì. Questi sondaggi mi piacciano sempre più: ieri a Ballarò, Nando Pagnoncelli (uno che ha sempre azzeccato gli ultimi pronostici, più preciso di un orologio svizzero) ne ha diffuso uno eccellente, in perfetta linea con quelli di questi giorni: Centrodestra in vertiginoso calo, con i voti moderati che si spostano verso il Nuovo Polo, che riesce ad intercettare la voglia di cambiamento; interessantissimo il risvolto poi su Pierferdinando Casini: largamente vincente, infatti, alla guida di una Santa Alleanza contro Berlusconi  (48 contro 34), in caso di una corsa a tre poli, il nostro caro Pier si muove in una forbice di voti compresa tra il 20 e il 23 %. Ripeto: tra il 20 e il 23 %. Andiamo sempre meglio!

PDL 27,9% (+0,3%)

LEGA NORD 11,3% (-0,2%)
LA DESTRA 1% (-0,1%)
Totale cdx 40,2% (INV)
FLI 5,6% (+0,6%)
UDC 6% (+0,2%)
API 1% (INV)
MPA 0,5% (-0,1%)
Totale centro 13,1% (+0,7%)
PD 26% (+0,2%)
IDV 6,6% (-0,2%)
SEL 9,4% (-0,3%)
Totale Csx 42% (-0,3%)

FDS 1,7% (INV)
M5S 2,4% (-0,4%)

Altri 1% (INV)

SCENARIO 1
CDX: 38,5% (-0,2%)
CENTRO: 18,5% (+0,7%)
CSX: 41,5% (+0,5%)

SCENARIO 2
CDX: 43,9% (-0,3%)
CLN: 51,9% (+0,6%)
Altri: 4,2% (-0,3%)

SCENARIO 3

Bersani 45% (+2%)
Berlusconi 35% (+2%)

SCENARIO 4

Casini 48% (+3%)
Berlusconi 34% (+2%)

SCENARIO 5

Bersani 38% (+2%)
Berlusconi 31% (-1%)

Casini 20% (+1%)

SCENARIO 6

Vendola 31% (-1%)
Berlusconi 33% (+2%)

Casini 23% (+2%)

[Ma com’è, però, che di questi sondaggi non parla quasi nessuno?]

Ce la possiamo fare/2

Un imperdibile Ilvo Diamanti, su La Repubblica di oggi, conferma il buon sondaggio IPSOS di qualche giorno fa: l’Udc in costante crescita, il Nuovo Polo passato dal 17% di dicembre al 20 di oggi; nello stesso arco di tempo, la fiducia in Casini è aumentata di 4,8 punti percentuali, collocando il nostro leader al 4° posto della graduatoria nazionale, mentre quella in Fini ha conosciuto una nuova impennata positiva (+6,2%). Avanti così!

[Mi sa che mi sto mutando il mio parere complessivo su sondaggi e sondaggisti, comunque]

Ce la possiamo fare

Premesso che:

1. non credo ai sondaggi;

2. una Santa Alleanza contro qualcuno mi convince poco;

3. vedere Fini, Casini, Bersani e Vendola insieme nella stessa coalizione mi convince ancor meno;

premessolo e ripetutolo, questo sondaggio Ipsos mi galvanizza moltissimo. Se Pierferdinando Casini dovesse guidare il fantomatico CLN antiberlusconiano, infatti, vincerebbe 45 a 32. E se invece dovesse scegliere di correre da solo, come candidato premier del Polo per l’Italia, attirerebbe a sé il 19 per cento dell’elettorato italiano. Stiamo ancora a cercare il Papa Straniero?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: